HO BISOGNO DI AIUTO

 

Nella mia vita non mi sono mai appoggiata agli altri,ma da un po di tempo sembra che io sappia fare solo questo, è bellissimo avere mille attenzioni da parte di chimi vuole bene, “intendiamoci”, ma sento questo dolore dentro che mi attanaglia e non mi fa dire “ho bisogno di aiuto”. 

 
Sono orgogliosa è vero e so che ci sono dei momenti della vita in cui si ha proprio bisogno di accucciarsi tra le braccia di qualcuno che ci culli e che ci protegga, io ho avuto questa fortuna, si l’ho avuta anche senza aver mai detto loro ho bisogno di aiuto
 
Chi ti vuol bene ci arriva da solochi ti vuol bene osserva, non ti fa chiedere, parte prima, chi ti vuol bene ha anche paura di ferirti nel darti il suo aiuto
 
Sono queste le persone che AMO, quelle che non sempre ho capito e sostenuto, ma che ci sono e per loro io ci sarò sempre. 
 
Immagine

 

Annunci

IN PUNTA DI PIEDI

Ho dato spazio a chi egoisticamente l’ha occupato fin tanto che ne aveva bisogno, ho creduto all’amicizia, fino a trovarmi davanti alla dura realtà, ma sono fatta così, sono fatta male?

Partendo dal presupposto che l’amicizia è pura e sincera no, ho fatto bene, ho dato il mio amore, ma quante pugnalate ancora, quante delusioni ancora.

Poi ad un tratto mi sono resa conto di essere immune, mi sono resa conto che se queste amicizie dovessero non esserci più, io non ci stare così male.

Si può diventare immuni dall’ Amicizia e dall’ Amore?

Si si può, ci si trincera dietro ad un muro, si prende atto che ciò che noi credevamo essere, non era….

E consapevolmente iniziamo ad allontanare tutte le possibilità di amicizia, ci auto convinciamo che mai più ci comporteremo in modo amichevole e che prima di dare fiducia ed elargire consigli e confidare segreti, dovremo conoscere bene la persona in questione…

Ma conosciamo davvero i tenutari dei nostri segreti?  La risposta è….no, non li conosciamo e allora perché ci fidiamo così tanto di una persona, da mettere nelle sue mani la nostra parte più indifesa?

Credo che la risposta sia dentro di noi, se abbiamo il bisogno di confidare un segreto è perché ci pesa, perché condividendo un’evento avvenuto o che deve avvenire pensiamo di riuscire ad alleggerire il carico, magari la persona che ci ascolta non può fare nulla, ma il solo ascoltarci è già un grande aiuto.

Ma a questo  punto il consiglio migliore che posso dare a tutti ed a me stessa è  quello di non mollare mai, di non chiudere il mio cuore, ci sono al mondo tante persone migliori, tante amiche che sono in grado di dimostrare che il vero bene esiste,sta solo a noi accoglierlo a braccia aperte.

Immagine

 

E POI C’è LUI IL “BUGIARDO CRONICO”

Chi racconta una bugia è quasi sempre mosso da una tattica, un piano strategico che tende verso un obiettivo, un fine. La bugia non è quasi mai fine a se stessa. E’ una strategia che, nelle attese di chi la adotta, permette di ottenere qualcosa in più rispetto alla “verità”. E’ un comportamento che garantirebbe la “sopravvivenza”, socialmente utile perché consente di avere buone relazioni con tutti, ricavarne vantaggi sul lavoro, schivare le responsabilità, sottrarsi a controlli o critiche. A volte si è portati ad inventare frottole per non arrecare dispiaceri ai propri cari, le classiche “bugie a fin di bene”. Ma a volte, al contrario, la verità scagliata violentemente sul proprio partner potrebbe rivelarsi solo un atteggiamento aggressivo, agito al solo scopo di colpire l’altro: svelare una infedeltà di poco conto potrebbe essere utile solamente per svincolarsi dai sensi di colpa e catapultarli sul proprio compagno.

Conservare un segreto può anche voler dire essere autonomi, adulti: le persone mature sanno anche fingere, i bambini hanno la tendenza a raccontare tutto alla mamma. In ogni caso l’importante è che la bugia rimanga un episodio singolo altrimenti potrebbe diventare una giustificazione per creare interi castelli in aria, storie parallele, doppie vite.

Inganni senza fine dove, credendo di imbrogliare gli altri, si finisce con il tradire se stessi. Recitare ruoli o personaggi lontani dal nostro modo di essere, affezionarsi ad un scenario inventato ad hoc per farci accettare dagli altri o per garantire la sopravvivenza della nostra autostima.

Nella letteratura clinica in realtà non esiste una vera e propria “sindrome del bugiardo” (o come è chiamata da molti “sindrome di pinocchio”) ma certamente la tendenza a dire bugie è un aspetto predominante di alcune tipologie di personalità come quella narcisista o addirittura quella deviante. Prendere in prestito il personaggio di Pinocchio attraverso la metafora della sua storia ci può essere utile per meglio identificare coloro che hanno una forte tendenza a raccontare bugie. Pinocchio è un burattino di legno che vuole diventare un bravo ragazzo (in carne ed ossa), cerca di essere adulto o meglio finge di essere grande ma in realtà si comporta come un bambino (a differenza del personaggio di Peter Pan che invece ha scelto di rimanere bambino). Nella fiaba Pinocchio si ripromette di ascoltare papà Geppetto e la Fatina (che potremmo metaforicamente assimilare alla mamma) ma purtroppo i suoi desideri lo spingono sempre ad agire impulsivamente e a non preoccuparsi delle conseguenze delle sue azioni (“fa spallucce”): non è un caso che il paese dei balocchi si riveli una grande fregatura.

Nella prima parte della storia il Grillo parlante (il genitore interiorizzato) viene schiacciato con una martellata. Quante promesse, a se stesso e agli adulti, di diventare giudizioso e bravo! Pinocchio, così come Peter Pan ha una grande voglia di vivere, entusiasmo, curiosità, creatività da vendere in opposizione al mondo degli adulti tutto improntato alla ricerca del successo, del denaro e dei beni materiali. L’uomo “Pinocchio”, così come il burattino, rimane infantile, senza la capacità di integrare la propria personalità con la difficoltà a mantenere i propri impegni, a prendersi le proprie responsabilità, con la forte tendenza a dire continue bugie per non affrontare la propria realtà.La favola di Collodi si conclude con la raggiunta maturità del burattino: diviene un ragazzino assennato, studia, salva il suo papà dalla balena ed in seguito si occupa di lui, grato per tutto il bene che le due figure adulte importanti (Geppetto e la Fatina) gli hanno donato. Il bambino si evolve psichicamente e diviene quindi un adulto. Ma perché molti bambini rimangono “troppo infantili”come era Pinocchio nella prima parte della sua storia? Perché in alcuni uomini non avviene la trasformazione, la crescita psichica e rimane quella fastidiosa tendenza a raccontarsi e raccontare frottole dando di sé una immagine non autentica? 

Come riconoscere un bugiardo patologico? Ci sono arrivate storie di persone che sostengono di essere riuscite a mettere in piedi un tale castello di bugie, tutte perfettamente coerenti, tale da non essere mai stati scoperti. Possibile che una donna possa trascorrere parte della propria vita senza nemmeno accorgersi che il proprio partner le sta mentendo su molti aspetti della loro vita? L’uomo-Pinocchio ha una grande necessità di mantenere alta la sua autostima ad ogni costo attraverso conferme continue della sua abilità nel controllare gli altri, ha una grande difficoltà nel comprendere di avere bisogno di aiuto e soprattutto nel chiedere aiuto, forse l’unica occasione che potrebbe spingerlo a chiedere aiuto è l’esperienza di abbandoni inaspettati che lo costringono a rimanere solo. Dopo una menzogna si pente momentaneamente, ma ciò non è mai seguito da un reale cambiamento. E’ raro che viva sensi di colpa e vergogna, c’è una forte tendenza a colpevolizzare chi lo accusa, il comportamento che lo contraddistingue è impulsivo, con una inclinazione a vivere l’ “attimo fuggente”. E naturalmente ha una grande difficoltà a progettare e a mantenere dei programmi costruttivi.

L’uomo- Pinocchio è bravissimo a trarre il proprio vantaggio nel rapporto con gli altri, con grande maestria tiene lontano il prossimo, disprezzandolo e mettendolo in una posizione di inferiorità: perchè questo accada è costretto a circondarsi di persone che, pur di sentirsi importanti, (generalmente per risolvere un proprio senso di inadeguatezza) hanno la tendenza a “volerlo salvare” a tutti i costi. Pinocchio esiste solo insieme alla Fatina che lo salva. Le mogli e le fidanzate dei “pinocchi”sopportano rassegnate le birbanterie e le frottole dei loro compagni che, con un atteggiamento da veri bambinoni, una volta scoperti, piangono e fanno i capricci fino a quando arriva puntuale il perdono che dà loro il “permesso” di intraprendere di nuovo la strada delle bugie. La maggior parte di queste donne “salvatrici” fanno finta di credere alle scuse e alle promesse ma rimangono aggrappate alla propria paura di essere abbandonate e di rimanere sole tanto da sopportare il costo di essere manipolate e ingannate. La maggior parte di queste donne vive proprio il timore di far male all’altro abbandonandolo.
Le Fatine per eccellenza sono donne che tendono, per natura, a negare l’evidenza dei comportamenti trasgressivi altrui. Le contraddistingue un grande spirito di sacrificio e il desiderio di riscattare gli altri. Poca autostima e quindi una consequenziale tendenza a pensare prima e soprattutto agli altri che a se stesse.

Come comportarsi se ci si trova nella situazione di avere un partner che soffre di questa condizione? Lasciarlo? Cercare di aiutarlo? E come? Sicuramente una domanda fondamentale da porsi è come mai si continuano a subire le continue umiliazioni delle false promesse del compagno. Anche se è una impresa difficile, bisogna provare a smettere di credere alle autocommiserazioni di Pinocchio, dare delle scadenze effettive rispetto alle aspettative riguardo il comportamento interpersonale. A volte si può scoprire che una separazione sia la soluzione migliore. Cominciare a pensare di fare un percorso psicoterapeutico per comprendere i motivi di tanta dedizione e soprattutto per evitare che il proprio atteggiamento masochistico si ripeta all’infinito, procurandosi ferite continue e una vita priva di complicità emotiva e intimità, e quindi non autentica, nascondendo anche a se stesse il vero sé.

Si può guarire da questa condizione? Cambiare significa innanzitutto rendersi conto che si sta recitando un copione, che non si è se stessi e l’uomo Pinocchio, per la sua natura, non è certo agevolato in questa coraggiosa rivoluzione interiore. Forse l’unica possibilità che potrebbe aprire loro uno spiraglio è l’essere abbandonati, trovarsi completamente soli con la mancata possibilità di “utilizzare” le donne. Potrebbe essere determinante il fatto che la donna non perdoni più Pinocchio quando fa delle marachelle specialmente se sono continue e senza speranza. Il cambiamento dell’uomo potrebbe essere vantaggioso solo se è interiore, profondo, dovrebbe legarsi alla perdita definitiva della tendenza a ricavare dei vantaggi attraverso le menzogne e le manipolazioni. Cambiare è possibile, almeno in potenza, bisogna trovare però la chiave giusta.

Non esiste una regola uguale per tutti, e comunque è necessario interrogarsi sul senso di quello che si sta vivendo. La psicoterapia può essere un grande aiuto anche se i pazienti-Pinocchio che bussano alla porta dello psicoterapeuta sono coloro che sono stati ripetutamente abbandonati o anche traditi. A volte qualcuno sperimenta qualcosa che si avvicina all’esperienza del panico o a quella della depressione. Numerosi sono i giocatori d’azzardo o gli alcolisti.

Per la “Par Condicio”. Si tratta di una condizione che riguarda maggiormente gli uomini o le donne? O non vi sono differenze? Le chiediamo questo perché tutte le lettere che abbiamo ricevuto parlavano di uomini bugiardi. Questo è sicuramente in parte dovuto alla composizione in gran parte femminile del nostro pubblico. O forse statisticamente sono gli uomini ad essere davvero più bugiardi?Un numero assai consistente di uomini vive vite parallele. Spesso uomini sposati mantengono per anni relazioni extraconiugali che sembrano non intaccare minimamente la loro convinzione a vivere in famiglia nel ruolo stabile di mariti e padri. Si muovono come se niente fosse da un contesto all’altro in palese incompatibilità affettiva, pur tuttavia, senza tormenti e dubbi. Dichiarano il loro amore per la moglie (madre dei loro figli) e poi contemporaneamente la tradiscono senza titubanza. Dividersi in storie parallele è molto comune tra gli uomini- Pinocchio che, per un eccesso di predisposizione narcisistica vivono il piacere “speciale” e l’onore di sentirsi al centro dello scenario affettivo di più donne, moltiplicando occasioni di appagamento e di consenso femminile.

Non sentono la necessità di fare una scelta. In generale l’uomo non ambisce all’esclusività o alla totale condivisione nel rapporto di coppia (tendenza questa squisitamente femminile) la suddivisione della loro affettività non li fa sentire frammentati o disorientati. I più comuni disagi sono relativi alla difficoltà di tenere in piedi castelli enormi di bugie e cercare sempre la credibilità per non farsi scoprire dalle rispettive compagne. Anzi, nella maggior parte dei casi, sentono di mentire per una buona causa, cercando di tutelare integrità della propria immagine. E’ difficile, per questa tipologia di uomini, rendersi conto dei bisogni affettivi delle persone che li circondano. Le donne, rispetto agli uomini, riescono più facilmente a chiudere un rapporto prima di dare vita ad un altro: forse sono più predisposte ad interrompere quando sentono di potersi fidare del nuovo partner e di poter contare sul suo attaccamento.

Generalmente sono le donne a doversi contendere l’amore di un uomo. Appena c’è l’occasione, le donne sono portate a scegliere ma raramente lasciano il loro compagno nell’incertezza. L’uomo invece sembra godere nel mettere le donne in competizione tra loro. Le donne sacrificano più volentieri le loro amicizie in nome dei rapporti familiari, sono in perenne conflitto interiore che, ancora una volta, le costringe ad una “scelta”rispetto ad un ambito relazionale rispetto agli altri al quale si consacrano con totale dedizione. L’uomo, rispetto alla donna, sembra avere bisogno di maggiori e continue conferme di sé attraverso il rispecchiarsi negli altri, attraverso il rimando dell’immagine tentano disperatamente di costruire l’integrità e la forza della propria identità.

Non possiamo dire con certezza che l’uomo sia, in assoluto, più menzognero della donna, certo però che, rispetto alla donna più malvolentieri prende posizioni nette, è portato a fare delle scelte definitive e, affrontare conflitti e ambiguità. Pur di non mettersi in discussione tenta di restare a galla soprattutto attraverso realtà inventate o taciute..

10  REGOLE:

 1)Cerca di capire che non otterrai mai una storia coerente da un bugiardo accanito.

2)Tieni in considerazione che i bugiardi accaniti di solito esagerano tutto quello che dicono, perciò prendi le loro storie con le pinze.
3)Il mentire costantemente è una forma di mancanza di rispetto, perciò chi lo fa non è una persona di cui potersi fidare o considerare un vero amico o compagno.
4)Se cerca di evitare i problemi. Se il bugiardo ha fatto qualcosa di sbagliato, farà di tutto per evitare di essere incolpato, il che significa inventarsi una storia e/o attribuire la colpa a un’altra persona.
5)Un individuo che mente d’abitudine, generalmente perderà la capacità di differenziare le bugie dalla realtà. 
6)Il bugiardo crederà che quelle bugie sono la verità. 
7)Confrontarsi con un bugiardo patologico in merito alle sue bugie è praticamente impossibile.
8)il bugiardo coinvolto in una discussione, potrebbe cambiare i dettagli per fare una figura migliore. Rigirare il problema su di te. Inoltre potrebbe coinvolgere altre persone inventando cose, allo scopo di avere più persone dalla sua parte. 
9)Lo scopo principale di molti bugiardi è diventare popolari, l’obiettivo del bugiardo è quello di sembrare più intelligente, di modo che gli altri gli dedichino attenzione e ammirino i suoi risultati.

10)Attenzione per ottenere compassione. Il bugiardo pensa che i suoi problemi siano enormi rispetto a quelli degli altri. Dal tagliarsi con la carta, all’ essere ammoniti dal capo o dall’ insegnante, il bugiardo corre in giro a raccontare la sua storia a tutti, esagerando i dettagli in proporzione ridicola per conquistare la compassione di chiunque si trovi a portata di ‘orecchio’.
Vuole sentirsi importante. 
11)Il bugiardo è il re del “io più di te.” Qualsiasi risultato hai ottenuto, lui ha fatto meglio di te. Questa persona deve sempre sentirsi superiore, non importa se a livello personale o professionale.
Si annoia. Sciaguratamente questa persona, dato che la sua vita non affonda le sue radici nella realtà, si annoia facilmente ed è alla ricerca della tragedia. Di conseguenza le bugie possono essere inventate per divertire o intrattenere, il che (sfortunatamente) significa che altre persone verranno coinvolte ed eventualmente ferite.
Insicurezza. La bassa stima di se stessi è uno delle ragioni più grandi per cui le persone diventano bugiarde. Che lo riconosca o meno consciamente, un bugiardo pensa di non essere abbastanza importante, perciò deve inventarsi qualcosa che lo renda meritevole di lode.Immagine

 

LA FIAMMA DEL TUO CUORE

Da piccoli fingiamo di essere buoni per compiacere i nostri genitori.
Da grandi fingiamo di esser forti o a volte che vada tutto bene, anche quando tutto bene non va.
Poi la sera ci si trova nel proprio letto, si spegne la luce e si chiudono gli occhi; pochi gesti e si spegne anche un’intera giornata, fatta di sorrisi forzati e sinceri, di cose ingoiate e di cose sputate, di deliri strappati alla vita con forza e di parole ascoltate con stanchezza.
Ed è proprio in quel momento che si fa i conti con noi stessi, con i nostri pensieri più profondi ai quali non è più possibile fuggire, con il proprio sogno da realizzare, tra paure e consapevolezze… ancora qualche attimo di dolce silenzio che ci culla, accompagnandoci per mano verso il nostro sonno.
Ci abbandoniamo stanchi, con la voglia di risposare e al risveglio.. al risveglio ricominciamo a sorridere perché in fondo è un nuovo giorno e tutto può accadere, basta mantenere accesa la fiammella del nostro cuore

I sogni che diventano incubi…

lacrime.jpg1

E poi arriva quel momento nella vita che ti svegli…

si ti svegli, come quando ci si sveglia nel cuore della notte, di soprassalto, con quel respiro affannato, con la paura e il cuore che ti batte a mille…

Da accessibile diventa tutto irraggiungibile, come se di colpo arrivasse la “normalità” e ti uccide la percezione dei sensi…

Quel castello che ti eri costruito non è poi quella fortezza che avevi sognato, non è più il rifugio dei tuoi sogni, e lo vedi crollare come se fosse di carta.

Ci sono momenti nella vita che pensi sia tutto un sogno la realtà che stai vivendo, e invece il sogno ricama l’incubo, te lo sbatte in faccia, te lo presenta cosi di colpo come quando ti svegli nel cuore della notte…

E cosi vedi che il tuo cielo non è più azzurro, il tuo sole si nasconde,

non c’è più l’amore che ti disseta l’anima e il sogno che lo fomenta, non riesci neppure a piangere dalla rabbia, ti senti come una foglia alzata dal vento spazzata via dall’albero che la ospitava….

Io so che chi ti fa vivere un sogno prima o poi quel sogno diventa incubo, ma non so ancora come dall’incubo possa ritornare un sogno, non so ancora come ci si sveglia…

Questo ancora non lo so…

 

UN GIORNO COME TANTI…

Un giorno ti accorgi che tutta la tua vita si che è difficile…ma sei felice perchè hai quelle poche persone che ti vogliono bene…che hanno saputo leggere in te…che hanno saputo accettarti con i tuoi pregi e difetti…che hanno saputo guardare oltre e hanno visto quello che sei in grado di offrire…magari solo un semplice sorriso…o un ciao come stai…ma sicuramente fatto e dettato con il cuore…non puoi sempre vivere concentrata sulla voce degli altri…non si puo’ stare sempre male per persone che non hanno stima in loro stessi e denigrano poi di te … puoi dipingere le cose che senti, quelle che vedi, quelle che tocchi, quelle che indossi, quello che puoi inventare e che puoi immaginare solo Tu.. perche’ e’ dentro il tuo cuore. Puoi prendere il mondo tra le mani e sentirlo tuo puoi stropicciarlo tra le tua dita e stringerlo forte … Puoi fare questo ed altro con il mondo perche’ Tu ne sei l’anima e il centro di te stesso è niente e nessuno può farti trascinare più in basso!!Immagine